Mom with kid

La gravidanza è una delle esperienze di vita più belle, complesse e miracolose. Nel corso di 9 mesi, il nostro corpo sperimenta incredibili cambiamenti. Non solo le pance, ma anche i nostri cuori crescono per accogliere i nostri bambini. La gravidanza e il parto costituiscono un’attività fisica prolungata nel tempo e a volte il corpo ha bisogno di essere aiutato a riprendersi dopo i cambiamenti e gli sforzi sostenuti per dare alla luce un bambino.

Cosa succede al pavimento pelvico durante il parto?

Parliamo del pavimento pelvico e di ciò che accade realmente durante e dopo un parto vaginale. I muscoli devono rilassarsi, allungarsi e aprirsi per permettere al bambino di muoversi lungo il canale del parto e venire alla luce. A volte questi muscoli possono subire uno strappo o uno stiramento. Lo sforzo o il carico supportato possono portare alla disfunzione dei muscoli del pavimento pelvico, proprio come avviene dopo uno stiramento o uno strappo. I muscoli possono essere indeboliti, eccessivamente allungati o troppo tesi, e dunque hanno difficoltà a contrarsi e rilassarsi, con possibile sensazione di dolore. Ci sono diversi modi per riacquistare forza nei muscoli del pavimento pelvico dopo il parto e la maggior parte delle persone ottiene una completa riabilitazione postnatale, se segue un programma adeguato.

Ci sono diversi accorgimenti che ci possono aiutare! È stato dimostrato che la riabilitazione attraverso esercizi per il pavimento pelvico svolti durante un programma di recupero post-parto contribuiscono a ridurre il dolore, aumentare la funzionalità della zona e migliorare la salute pelvica generale. Questo può prevenire problemi futuri di perdite, prolasso e dolori se si ha intenzione di avere altri figli e durante l’esperienza della maternità.

Cosa sono gli esercizi per il pavimento pelvico?

La riabilitazione del pavimento pelvico consente di migliorare la forza e il controllo dei muscoli di questa zona in modo che possano ritornare a un livello di funzionalità simile a quello precedente al parto. Per essere davvero efficaci, l’allenamento e gli esercizi dovrebbero avere 3 componenti principali: Sovraccarico, specificità e reversibilità.

  • Il “sovraccarico” avviene quando sforziamo i muscoli, in senso buono. Infatti è necessario che lavorino duramente per poter diventare più forti e funzionare in modo più efficace. È come aumentare i pesi quando ci si allena in palestra: se utilizzassi sempre lo stesso peso, non vedresti nessun progresso.
  • La “specificità” consiste nel fare in modo che diventi un’abitudine. Significa eseguire esercizi e movimenti precisi, quelli di cui hai bisogno durante un’azione o un’attività specifica (come tossire o sollevare pesi), per allenare i muscoli a fare quel movimento automaticamente, senza che tu debba pensarci. Gli esercizi di Kegel sono un ottimo aiuto: permettono al pavimento pelvico di contrarsi quando necessario e allenano entrambi i tipi di fibre muscolari che si trovano in questa zona. È importante, tuttavia, che gli esercizi di Kegel siano eseguiti, prescritti e monitorati correttamente.
  • La “reversibilità” significa che è importante mantenere la forza e la funzionalità e che, se non usiamo questa forza ritrovata, possiamo perderla facilmente, ovvero è “reversibile”. È simile alla corsa o agli esercizi per le braccia: se smetti di allenarti per qualche settimana, la resistenza, la forza e la forma cardiovascolare diminuiscono e sarà dura riprendere!

Devo praticare la riabilitazione del pavimento pelvico dopo il parto?

Ti aiuterebbe moltissimo! Gli esercizi per la riabilitazione del pavimento pelvico eseguiti correttamente possono alleviare il dolore, accelerare il recupero e prevenire futuri problemi (come le perdite urinarie e il prolasso degli organi pelvici). L’incontinenza da sforzo (perdite urinarie quando si ride, si tossisce, si starnutisce o si salta), l’incontinenza fecale, i dolori alla vagina e al perineo e il prolasso (la discesa di organi nel canale vaginale) possono essere causati da una disfunzione del pavimento pelvico e molte donne ne fanno esperienza entro un anno dopo il parto o anche più tardi.

Quando posso iniziare l’allenamento postnatale del pavimento pelvico?

Il momento esatto varia da persona a persona ma, in generale, è possibile farlo intorno alle 6-8 settimane dopo il parto (cesareo o vaginale), quando il medico o l’ostetrica ti conferma che puoi riprendere l’attività fisica e sessuale in sicurezza. Questo è approssimativamente il tempo necessario per la guarigione dei tessuti e delle lesioni e pensiamo che sia importante rispettarlo. Vogliamo assicurarci che il programma funzioni, che ti garantisca un miglioramento costante e che ti trovi nelle condizioni ideali per iniziare bene il tuo recupero!

Come Perifit può aiutarti a rafforzare il pavimento pelvico dopo il parto

Gli esercizi di Kegel sono uno dei modi migliori per prevenire, curare e diminuire i sintomi della disfunzione dei muscoli del pavimento pelvico, ma in realtà è abbastanza difficile accertarsi di eseguirli correttamente e misurare i propri progressi. Ed è qui che Perifit può aiutarti! Perifit ti dà un feedback istantaneo sulla contrazione del pavimento pelvico e rende divertente il tuo programma di allenamento. L’app utilizza dei giochi per aiutarti ad allenare proficuamente il pavimento pelvico e ti fornisce anche statistiche e informazioni in tempo reale sui progressi e l’attività muscolare. Non devi tirare a indovinare! Puoi avere la certezza che stai eseguendo gli esercizi adatti a te, incrementando la forza e lavorando nella giusta direzione per ottenere un pavimento pelvico migliore e più sano.

Articolo di
Marcy Crouch, PT, DPT, WCS
Fisioterapista specializzata in salute della donna
Creatrice e fondatrice di The DT Method™️: Standard per la preparazione al parto e il recupero postnatale
@thedowntheredoc

Train Pay Progress Perifit

SHOP PERIFIT

Scopri di più sui benefici di Perifit:

Riferimenti:

Durnea CM, Khashan AS, Kenny LC, Durnea UA, Dornan JC, O'Sullivan SM, et al. What is to blame for postnatal pelvic floor dysfunction in primiparous women-Pre-pregnancy or intrapartum risk factors? European journal of obstetrics, gynecology, and reproductive biology. 2017;214:36-43. 

Kapoor, D.S., Freeman, R.M. Pregnancy, childbirth and urinary incontinence. In: Haslam, J., Laycock, J. (eds)Therapeutic Management of Incontinence and Pelvic Pain.London: Springer-Verlag. 2008. 

Hall B, Woodward S. Pelvic floor muscle training for urinary incontinence postpartum. British journal of nursing (Mark Allen Publishing). 2015;24(11):576-9. 

Elenskaia K, Thakar R, Sultan A, Scheer I, Beggs A. The effect of pregnancy and childbirth on pelvic floor muscle function2011. 1421-7 p.

Laycock J. Concepts of Neuromuscular Rehabilitation and Pelvic Floor Muscle Training. In: Baussler K, Shussler B, Burgio KL, Moore KH, Norton PA, Stanton S, editors. Pelvic Floor Re-education. 2nd edition. London: Springer; 2008. 

Deffieux X, Vieillefosse S, Billecocq S, Battut A, Nizard J, Coulm B, et al. [Postpartum pelvic floor muscle training and abdominal rehabilitation: Guidelines]. Journal de gynecologie, obstetrique et biologie de la reproduction. 2015;44(10):1141-6.

Women’s and Men’s Health Physiotherapy Team. Your recovery after childbirth. Physiotherapy, exercises and advice. 2016. Version 2. 

Kegel exercises: A how-to guide for women. (2018). Tratto da https://www.mayoclinic.org/healthy-lifestyle/womens-health/in-depth/kegel-exercises/art-20045283